MENU


   Cerca nel sito
 


   EVENTI


   GUESTBOOK
Inglese

I VIAGGI DEL GUSTO - Viaggi esperienziali :: EMOZIONI DI UN GIORNO REGIONE PER REGIONE :: * CAMPANIA :: CAMPANIA DA NON PERDERE

CAMPANIA DA SCOPRIRE  [.....]

SULLE STRADE DEL VINO FOR FOODIES'

Tra le zone della Campania più fertili da questo punto di vista c’è la provincia di Benevento, attraversata dalla Strada dei Vini e dei Prodotti tipici Terre dei Sanniti. L’Aglianico del Taburno (dal 2011 DOCG) , il Sannio, il Sant' Agata dei Goti, il Solopaca, la Falanghina ed il Taburno sono tutti vini che possono fregiarsi della Doc. Nel Sannio il vino è quasi una fede.

LE STRADE DELLE TERRE DEI SANNITI: STORIA E VINI DOCG Taurasi , DOC Falanghina del Sannio, Sannio,

Meno noti al grande pubblico, ma non per questo meno gustosi, sono i vini tutelati dalla Strada dei Vini della “Terra di lavoro” che si sviluppa tra Caserta, Aversa, Sessa Aurunca e Santa Maria Capua Vetere. Il Falerno del Massico Doc è considerato l’erede naturale del mitico Falernum, il vino più in voga ai tempi dell’antica Roma. La Strada dei Vini e dei Sapori d’Irpinia  la più preziosa delle vie campane ben tre docg, con il Taurasi, il Greco di Tufo ed il Fiano di Avellino

LE STRADE DEI VINI D'IRPINIA: TRA CASTELLI E PREGIATI VINI DOCG Aglianico del Taburno, Fiano di Avellino (Apianum)Greco di Tufo,   DOC Irpinia

Lasciando le aree interne della regione e spostandosi verso la provincia di Napoli ci si imbatte nella Strada dei Vini dei Campi Flegrei, isola d’Ischia, Vesuvio .Piedirosso e Sciascinoso sono vitigni autoctoni dai quali si ottengono vini che risentono del terreno lavico conferendo un gusto molto particolare a prodotti come il Lacrima Christi. 

LE STRADE DEI CAMPI FLEGREI:  FRA ARCHEOLOGIA E  VIGNETI DOCG  DOC Campi Flegrei, Vesuvio

Buona è la vinificazione anche nell’area dei Campi Flegrei e dell’Isola di Ischia, due tra le migliori zone doc della Campania.La Strada del Vino Costiera di Amalfi e Isola di Capriè una delle più caratteristiche di tutta Italia. La lavorazione della vite in paesi famosi in tutto il mondo come Amalfi, Minori, Vietri sul Mare Positano avviene a ridosso della costa, a due passi dal mare e dalle piantagioni di limone, prodotto tipico di tutta la costiera. Costa d’Amalfi DocRavello Doc e Capri Doc, soprattutto eccellenti bianchi che ben si sposano con la cucina marinara tipica di queste zone. 

LE STRADE DELL'ISOLA D'ISCHIA: LE ISOLE ACQUA E VINI DOCG , DOC Ischia, Capri

Scendendo nella parte più meridionale la Strada dei Vini del Cilento. La doc Castel San Lorenzo dà vita a diverse tipologie  fortemente influenzate dall’argillosità dei terreni .

LE STRADE DEL CILENTO: L'INCANTO DELLE COSTE ED I VIGNETI DEL PARCO DOCG  DOC Cilento

LE STRADE DELLE TERRE DEL LAVORO: IL LAVORO DELL'UOMO ED I SUOI FRUTTI DOC  Aversa, Galluccio, Falerno del Massico, Casavecchia di Pontelatone Castel San Lorenzo

Infine, tappa obbligatoria per gli aspiranti enologi, è la Strada del vino della Penisola Sorrentina, I vini doc  si caratterizzano per il risultato “frizzante” del mix di uve Falanghina e Biancolella che danno vita al Gragnano e al Lettere

 LE STRADE DELLA PENISOLA SORRENTINA:  MARE E I VINI DELLE SCOGLIERE DOCG , DOC Penisola Sorrentina, Costa d'Amalfi

SULLE STRADE DEI SAPORI FOR FOODIES'

E’ una cucina allegra, solare, famosa soprattutto per i prodotti tipici della sua terra. Grazie al sole, questa terra può vantare i pomodori più succosi e gustosi del mondo che condiscono molti piatti locali e, non per ultima, la famosa pizza napoletana. E’ oramai passato alla leggenda quel pizzaiolo che inventò, in onore di Margherita di Savoia, una pizza tricolore condita con pomodoro, mozzarella e basilico che ancora oggi sopravvive con il tradizionale nome di “pizza Margherita”. Napoli è anche la patria degli spaghetti. I condimenti sono svariati e tutti molto gustosi, ma l’importante è la cottura a regola d’arte ed in questo i napoletani sono dei veri maestri.

Altro fiore all’occhiello di questa regione è la produzione casearia, con la famosa mozzarella di bufala, magistralmente prodotta nelle zone di Mondragone, Battipaglia, Capua ed Eboli.
I dolci più rappresentativi sono certamente la pastiera napoletana, le fragranti sfogliatelle di ricotta ed il babà intriso di liquore.

Il limoncello di Sorrento e i vini campani, dal Taurasi all’Aglianico passando per Greco di Tufo, Asprino d’Aversa, Lacrima Christi, Fiano e Solopaca, accompagnano meravigliosamente una cena con i piatti della cucina napoletana, magari gustata su una terrazza affacciata sul mare, a lume di candela, con una bella canzone napoletana di sottofondo.

 

Cilento (olio d’oliva DOP)
Colline Salernitane (olio d’oliva DOP)
Penisola Sorrentina (olio d’oliva DOP)
- Irpinia - Colline dell'Ufita (olio d’oliva DOP 

 

Parlare di formaggi in Campania significa, prevalentemente, parlare di mozzarella e caciocavallo.

mozzarella di bufala, Dopuno dei prodotti tipici campani più noti, risale addirittura al XII secolo, quando i monaci di San Lorenzo in Capua erano soliti offrire la "mozza" ai pellegrini.
formaggio carmasciano, la cui produzione è limitatissima
caciocavallo podolico, che prende l’appellativo dalla razza bovina da cui deriva il latte. Si tratta di un formaggio semiduro a pasta filata che ha un sapore che varia dal dolce al piccante, a seconda della stagionatura.  
 
 
Campania si divide il primato per la pasta con Lazio,Abruzzo e molise
- i famosi paccheri di Gragnano, con trafila dorata e alta aderenza ai sughi.
maccaronara, pasticcio fatto a mano ottimo con sughi ben conditi
 
I tipi di pane sono: Il Pane cafone, il Pane con i cicoli, il Pane del pescatore, il Pane di Padula, il Tòrtano, i taralli, il Puccellato rustico, il Pane di Vallo, il Pane di saraolla e la famosa Pizza
 
 
Limoncello Liquore al limone, inventato alla fine dell’Ottocento, viene servito ghiacciato dopo i pasti come digestivo. Gli ingredienti sono zucchero, alcool e scorze di limoni ancora verdi. Il frutto protagonista di questa bevanda, il limone, non può essere comune, ma deve provenire dalle isole o dal golfo di Napoli, maturando negli agrumeti a picco sul mare. Fu apprezzato e reso noto dagli intellettuali e dai personaggi celebri che frequentavano la Costa Amalfitana. Con il limoncello si confezionano anche deliziosi babà

Carciofo di Paestum (ortofrutta IGP)
Castagna di Montella (ortofrutta IGP)
- Cipollotto Nocerino (ortofrutta DOP) 
Fico Bianco del Cilento (ortofrutta DOP)
Limone Costa d’Amalfi (ortofrutta IGP) 
Limone di Sorrento (ortofrutta IGP)
- Marrone di Roccadaspide (ortofrutta IGP
Mela Annurca Campana (ortofrutta IGP)
Nocciola di Giffoni (ortofrutta IGP)
- Pomodorino del Piennolo del Vesuvio (ortofrutta DOP)

Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale(carne IGP)

Nei salumi le specialità veramente tipiche della Campania sono
-il salame Napoli, leggermente affumicato
-il prosciutto di Pietraroja (presidio Slow food) 
-la salsiccia di polmone o polmonata, una salsiccia "matta", prodotta con le frattaglie e utilizzata per insaporire i sughi e le minestre.


ricette

ragùfusilliravioliscialatielliorecchiettesopressatetartufimele annurchepastierebabàtorronistruffoliroccocò,  mostacciolizeppoletaralli e sfogliatelle...

-“Pizza Margherita”, creata nel 1871 dal pizzaiolo Raffaele Esposito in onore dell’omonima regina, da mangiare “a libretto”

In Irpinia tartufo e del taurasi, nel Sannio dei cecatielli e della falanghina, nella Costiera amalfitana degli scialatielli ai frutti di mare e del limoncello, nel Casertano della mozzarella di bufala e delle mele annurche .
 

BELLEZZE PAESAGGISTICHE PER EMOZIONI IN MOVIMENTO 

Luoghi dove trascorrere le proprie vacanze all’insegna della conoscenza, dello sport e del divertimento ma, soprattutto, dove rigenerarsi e ritrovare l’equilibrio psico-fisico facendosi coccolare in uno dei tanti stabilimenti termali.
Molti i luoghi dove ritemprarsi perché molti sono stati, nel passato, i fenomeni vulcanici che hanno dato origine a numerose falde acquifere dalle quali, ancora oggi, sgorgano acque ricche di proprietà terapeutiche. 
E quando si parla di terme si parla di Ischia,
 una delle perle del Golfo di Napoli, che grazie alle sue origini vulcaniche vanta uno dei migliori patrimoni idro-termali al mondo. Moderni e attrezzati centri benessere offrono un’ampia gamma di trattamenti curativi ed estetici per ritrovare la forma migliore, immersi nel paesaggio incantato di questa meravigliosa isola.
Castellammare di Stabia, Pozzuoli, Sant’Angelo sono alcune delle altre località dove dedicarsi alla cura del corpo e dello spirito.
Nel magnifico scenario del Golfo di Napoli, oltre a Ischia, si trova uno dei luoghi più famosi al mondo, Capri
, la regina della vita mondana e del lusso, punto di incontro di personalità politiche, personaggi del jet set e divi del cinema. Una passeggiata nella sua mitica piazzetta è una tappa obbligata per arrivare al cuore di questo luogo ricco di fascino e di mistero.
Le meraviglie di questa isola sono tante e tanti sono i modi per ammirarle: noleggiando i famosi e confortevoli gozzi, prenotando un tour in elicottero che sorvolerà l’intera Baia di Napoli e le zone di Ercolano e Pompei oppure, per chi vuole rimanere a terra, prenotando una visita guidata per conoscere i luoghi più belli e gli aneddoti più curiosi.

VACANZE CON I BIMBI 

 
La Campania offre un’infinità di modi per vivere e scoprire la bellezza della sua terra, una perfetta armonia tra storia, natura, cultura, folklore da vivere anche con i bimbi. Una variegata offerta di parchi naturali e di divertimento rendono attraente questa regione .
La Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli ,unodei maggiori istituti di ricerca al mondo nei settori della biologia marina ed ecologia, dove poter ammirare l' acquario, un rifugio per le tartarughe ferite. Una visita alla stazione zoologica è consigliata caldfamente a tutti, ma è soprattutto ai bambini che in un ambiente tranquillo possono vivere una esperienza significativa.
Le Grotte di Castelcivita: un susseguirsi di gallerie, saloni, strettoie e pozzi, che si rincorrono, si sovrappongono, sprofondano in salti e paurosi baratri dove l´orrido e il fantastico si alternano in un arcobaleno di colori, dando vita a particolari unici nel loro genereL’Archeopark che riproduce , grazie soprattutto a tecnologie tridimensionali stereoscopiche, l’antica Pompei, l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. ed i miti e le leggende del Golfo di Neapolis. La Virtualand ha prodotto tre filmati digitali 3D stereoscopici “Il Vulcano degli Dei”, “Pompei 79 A.D.” e "La leggenda della SibillaParco ricreativo di Napoli per bambini ed intrattenimento per genitori con treno panoramico 'vecchia america'
 

PICCOLI BORGHI PER GLI AMANTI DELLA STORIA 

Un paesaggio unico al mondo lo offre la Costiera Amalfitana : baie, insenature e pittoreschi paesini che, in un miracolo di equilibrio, restano abbarbicati alla montagna. L’azzurro del mare, il verde della macchia mediterranea, i colori e le linee delle piccole case, si fondono perfettamente fra loro creando uno dei più bei percorsi della costa italiana. Sorrento, Amalfi, Ravello, Vietri sul Mare e Positano sono alcune delle preziose perle che compongono la collana di piccoli borghi (12 in tutto) della costiera. Dei piccoli presepi viventi, con i loro antichi vicoli, archi e piazzette, che affascinano per l’atmosfera, i suoni e i profumi che emanano.

Nello scenario incantato della Costiera Amalfitana, ogni anno, si organizza il Ravello Festival, appuntamento imperdibile per chi vuole lasciarsi conquistare dal fascino della grande musica eseguita in uno scenario di incomparabile suggestione.
 

PER GLI AMANTI DELL' ARTE  

I cinque siti dichiarati Patrimonio Mondiale dell’Unesco sono le eccellenze da non perdere.

Napoli colpisce il visitatore per la sua vivacità, per gli splendidi colori del mare ma anche per la sua storia che riaffiora in ogni angolo del centro antico, il più grande d’Europa, un autentico museo a cielo aperto.
Ovunque si guardi, si scorgono scorci ricchi di fascino, tabernacoli, chiese e obelischi barocchi. Si incontrano le antiche arti manuali, da quella dei presepi (San Gregorio Armeno) a quella incomparabile dei maestri liutai, fino ad arrivare all’antico Borgo degli Orefici. Infiniti sono gli itinerari che si possono seguire scegliendo una visita ai castelli, o ai musei, o alle ville e palazzi storici o un tour fra le tante chiese che custodiscono capolavori scultorei e pittorici di enorme valore.
Per l’eccezionalità dei reperti ed il loro stato di conservazione, l’Unesco ha posto sotto la sua tutela l’Area Archeologica di Pompei e Ercolano, che nel 79 d.c., furono completamente distrutte dal Vesuvio. La lava vulcanica segnò la loro distruzione ma, solidificandosi, la stessa lava che le distrusse divenne un’eccezionale “protezione” che ha preservato gli straordinari reperti, riportati alla luce molti secoli dopo.

La Reggia di Caserta, altro sito Unesco, è un autentico capolavoro di architettura e decorazione e un  prezioso contenitore di capolavori. Visitando il suo interno si è stupiti dal continuo susseguirsi di opere d’arte, stucchi, bassorilievi, affreschi, sculture e pavimenti a intarsio. Un’opera di proporzioni colossali: quattro cortili, 1200 stanze, più di 30 imponenti scalinate tra cui il famoso Scalone d’Onore con 116 scalini, ed un immenso splendido parco come cornice.Archeologia, natura e tradizioni, i tre elementi distintivi del Parco del Cilento e del Vallo di Diano crocevia di culture e popoli fin dalla preistoria. Testimonianza preziosa del passato di questa terra, è Paestum antica città famosa per aver ospitato grandi uomini di pensiero come Parmenide. Da non perdere una visita alla Certosa di San Lorenzo, meglio conosciuta come Certosa di Padula , uno dei più grandi monasteri del mondo

SULLE STRADE DEI SAPERI 

L’artigianato vanta un’antichissima tradizione nella regione CAMPANIA, terra fortunata per posizione geografica e per vicende storiche. 
Molte forme artigianali sono rimasti inalterati, una è quella delle porcellane di è in assoluto una delle forme artistiche che più eccellono nell’arte. Se a Capodimonte gli si compete il primato delle porcellane d’arte, in egual modo la cittadina di Vietri sul Mare ha il titolo di capitale della ceramica Questa forma d’arte nel tempo è riuscita a svilupparsi anche nei centri cittadini limitrofi, quali Nocera, Cava dei Tirreni e Salerno.
Gli amalfitani sin dal lontano Medioevo cominciarono in collaborazione con gli arabi, e da cui presero l’arte della fabbricazione, a produrrere la carta di Amalfi
 divenendo poi il centro di produzione negli anni a seguire. Ancora oggi si esegue la lavorazione con le sole mani e questo avviene nelle 2 uniche cartiere, mantendo la produzione e la stessa raffinatezza a quella esposta nel Museo della Carta.
Famoso il corallo
, che già veniva pescato nell'antichità
Per quanto riguarda il cammeo 
invece nasce come incisione su pietra nel III secolo a.c. e nel corso dei tempi restò invariato, non lasciandosi modificare non solo nelle epoche trascorse ma anche fino ai nostri giorni.
L’arte della Tessitura
 è nata nel 1789 per volere di Ferdinando IV di Borbone. I suoi prodotti come: seta pregiata, velluto, broccati e stoffe damascate sono molto antichi ed all’inizio erano destinati solo ai sovrani borbonici e nobili napoletani.
Del PRESEPE NAPOLETANO si ha notizie già nel 1205. La storia ci racconta che l’arte presepiale viene da commissioni di aristocratici desiderosi di arricchire il proprio natale con personaggi tipici che riproducevono scenari di vita quotidiana.
Dagli inizi dell’autunno fino a Natale si può ammirare, lungo la via San Gregorio Armeno, le straordinarie esposizioni degli artigiani presepiali.
A Sorrento rimane ancora inalterata un’arte fatta di passione e inventiva: quella dell’INTARSIO
 o della tarsia , tramandata, agli stessi sorrentini sin dall’800

 capodimonte Ci sono molte altre testimonianze artigianali di notevole importanza che non seguono un mercato esempio la lavorazione della paglia (intrecciati) che è molto legata alla manifestazione folcloristica quale è la Madonna Addolorata a Mirabella Eclano

 

 

 Accoglienza clienti tel 0039 055244802-  email torreguelfa@torreguelfa.it 
I VIAGGI DEL GUSTO- Via Dell'Oriuolo, 17 - Firenze- Italy
Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI