Cerca nel sito
 


   EVENTI


   GUESTBOOK
Inglese

 I Viaggi Del Gusto

APPENNINI

CONTATTA  IL NOSTRO EMOTIONS' SAILOR

emotion sailor

torreguelfa@torreguelfa.it

MUGELLO E CASENTINO: TETTO VERDE DI TOSCANA 

APPENNINIesperienze

A corona della Toscana la dividono dall'Emilia Romagna , dalle Marche  e dall'Umbria abbracciando le due province da sempre rivali Firenze ed Arezzo ..dove Avamposti difensivi ne testimoniano la storia e ne incrementano la bellezza verde e silente ..meditative nei monasteri

Una corona di boschi alternano Monasteri , Borghi e Fortezze e corrono lunghi e silenziosi dal nord di Firenze con il Mugello dei Medici a sud di Arezzo con il Casentino di Dante . Mugello fa interamente parte della provincia di Firenze, in quella parte natia che fu dei Medici e di Giotto, che da catena di montagne e di colline che degradano fino alla vallata pianeggiante nei pressi della Sieve , la stessa che va a bagnare i borghi d'arte come Vicchio natali per i famosi pittori: Cimabue; anche Giotto e il Beato Angelico . A testimonianza del fiorente passato artistico dell'area del Mugello restano alcuni affreschi di Giotto in una piccola cappella di Galliano (frazione di Barberino di Mugello) e un paio di croci di Cimabue ritrovate al convento del Bosco ai frati, ora trasferite a Firenze. Sui monti le torri antiche, manieri, pievi romaniche, ville e castelli costruiti dalle più ricche famiglie fiorentine. In particolare il Mugello è stata una terra molto amata dalla famiglia dei Medici, che ha lasciato in quest'area segni molteplici del suo passaggio, basti pensare alla Fortezza Medicea di San Martino o al Parco Mediceo di Pratolino. Poi i boschi lasciano spazio alle radure dove allevamenti di mucche e preziose graminacee di grani antici bilanciano antiche tradizioni quali i famossissimi coltelli di scarperia e .. il circuito di proprietà della Ferrari, anche sede abituale di test e di prove automobilistiche e motociclistiche. A sud il Casentino che abbraccia i luoghi della fede dall'Eremo di Camaldoli al Santuario de La Verna. Terra di boschi infiniti e di monumenti della fede, di silenzi profondi e di rivoluzioni dell'anima. Questa valle parla il linguaggio della meditazione e del raccoglimento. Qui vincono i colori, dominano le atmosfere, sono le sacre foreste che vi parlano e vi abbracciano. Il Casentino è l’Alta Valle dell’Arno racchiusa ad est dai monti de La Verna, di Camaldoli e dell’Alpe di Catenaia, ad ovest dalla catena del Pratomagno. Attraversata dal fiume Arno, la valle è ricca di boschi di castagni, faggi, querce e abeti, alberi che sono patrimonio naturalistico del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e che caratterizzano particolarmente due luoghi cari alla spiritualità: Camaldoli con l’Eremo e il Monastero e, nel comune di Chiusi della Verna, il Santuario de La Verna dove San Francesco ricevette le stimmate. La storia di questa valle è strettamente legata ai Conti Guidi di Poppii che costruirono castelli nella stessa località, così come a Romena, Porciano, Montemignaio, Castel San Niccolò. Interessanti sono la pieve dei Santi Ippolito e Cassiano, la chiesa di San Lorenzo con terrecotte robbiane, l’Oratorio delle Sacre Stimmate e piazza Tarlati con la torre, Ortignano Raggiolo con una bella pieve romanica e un Museo della castagna. Poco oltre Poppi con il suo imponente castello e il suo centro storico con l’Oratorio della Madonna del Morbo e l’abbazia di San Fedele. Castel San Niccolò e Montemignaio sono due particolari esempi di borghi arroccati edificati intorno a castelli, ancora oggi visitabili.Pratovecchio, borgo natale di Paolo Uccello è raccolto intorno alla piazza centrale nella quale si affaccia la Propositura. Poco lontano la pieve di San Pietro a Romena e il castello di Romena. L’ultimo paese del Casentino è Stia, dalla caratteristica architettura a portici disposti lungo la via centrale. Sulla piazza è l’elegante pieve di Santa Maria Assunta che custodisce opere di straordinaria bellezza. Adagiata sulla collina è l’imponente torre del castello di Porciano. Terra questa di antiche tradizioni che ancora oggi rimangono nell'artigianato: il "panno casentinese", tessuto di lana dai colori brillanti come l'arancione e il verde bottiglia, il ferro battuto e la pietra lavorata 

QUALE ESPERIENZA ASPETTARSI CON NOI?


 

UNDER THE TUSCAN SUN I VIAGGI DEL GUSTO

Quale tipo di esperienza vorresti vivere? 

 CHIEDI COSTI AL NOSTRO EMOTIONS' SAILOR  

**I costi dipendono dall'esperienza scelta 

     

  

torreguelfa@torreguelfa.it

Grazie da I VIAGGI DEL GUSTO

INIZIA LA TUA ESPERIENZA 
 

 

 Accoglienza clienti tel 0039 0554936459-  email torreguelfa@torreguelfa.it 
I VIAGGI DEL GUSTO- Via Dell'Oriuolo, 17 - Firenze- Italy
Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI