MENU


   Cerca nel sito
 


   EVENTI


   GUESTBOOK
Inglese

 I Viaggi Del Gusto

APPENNINI

RIMANI IN CONTATTO

MUGELLO E CASENTINO: TETTO VERDE DI TOSCANA 

APPENNINIesperienze

A corona della Toscana la dividono dall'Emilia Romagna , dalle Marche  e dall'Umbria abbracciando le due province da sempre rivali Firenze ed Arezzo ..dove Avamposti difensivi ne testimoniano la storia e ne incrementano la bellezza verde e silente ..meditative nei monasteri

Una corona di boschi alternano Monasteri , Borghi e Fortezze e corrono lunghi e silenziosi dal nord di Firenze con il Mugello dei Medici a sud di Arezzo con il Casentino di Dante . Mugello fa interamente parte della provincia di Firenze, in quella parte natia che fu dei Medici e di Giotto, che da catena di montagne e di colline che degradano fino alla vallata pianeggiante nei pressi della Sieve , la stessa che va a bagnare i borghi d'arte come Vicchio natali per i famosi pittori: Cimabue; anche Giotto e il Beato Angelico . A testimonianza del fiorente passato artistico dell'area del Mugello restano alcuni affreschi di Giotto in una piccola cappella di Galliano (frazione di Barberino di Mugello) e un paio di croci di Cimabue ritrovate al convento del Bosco ai frati, ora trasferite a Firenze. Sui monti le torri antiche, manieri, pievi romaniche, ville e castelli costruiti dalle più ricche famiglie fiorentine. In particolare il Mugello è stata una terra molto amata dalla famiglia dei Medici, che ha lasciato in quest'area segni molteplici del suo passaggio, basti pensare alla Fortezza Medicea di San Martino o al Parco Mediceo di Pratolino. Poi i boschi lasciano spazio alle radure dove allevamenti di mucche e preziose graminacee di grani antici bilanciano antiche tradizioni quali i famossissimi coltelli di scarperia e .. il circuito di proprietà della Ferrari, anche sede abituale di test e di prove automobilistiche e motociclistiche. A sud il Casentino che abbraccia i luoghi della fede dall'Eremo di Camaldoli al Santuario de La Verna. Terra di boschi infiniti e di monumenti della fede, di silenzi profondi e di rivoluzioni dell'anima. Questa valle parla il linguaggio della meditazione e del raccoglimento. Qui vincono i colori, dominano le atmosfere, sono le sacre foreste che vi parlano e vi abbracciano. Il Casentino è l’Alta Valle dell’Arno racchiusa ad est dai monti de La Verna, di Camaldoli e dell’Alpe di Catenaia, ad ovest dalla catena del Pratomagno. Attraversata dal fiume Arno, la valle è ricca di boschi di castagni, faggi, querce e abeti, alberi che sono patrimonio naturalistico del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e che caratterizzano particolarmente due luoghi cari alla spiritualità: Camaldoli con l’Eremo e il Monastero e, nel comune di Chiusi della Verna, il Santuario de La Verna dove San Francesco ricevette le stimmate. La storia di questa valle è strettamente legata ai Conti Guidi di Poppii che costruirono castelli nella stessa località, così come a Romena, Porciano, Montemignaio, Castel San Niccolò. Interessanti sono la pieve dei Santi Ippolito e Cassiano, la chiesa di San Lorenzo con terrecotte robbiane, l’Oratorio delle Sacre Stimmate e piazza Tarlati con la torre, Ortignano Raggiolo con una bella pieve romanica e un Museo della castagna. Poco oltre Poppi con il suo imponente castello e il suo centro storico con l’Oratorio della Madonna del Morbo e l’abbazia di San Fedele. Castel San Niccolò e Montemignaio sono due particolari esempi di borghi arroccati edificati intorno a castelli, ancora oggi visitabili.Pratovecchio, borgo natale di Paolo Uccello è raccolto intorno alla piazza centrale nella quale si affaccia la Propositura. Poco lontano la pieve di San Pietro a Romena e il castello di Romena. L’ultimo paese del Casentino è Stia, dalla caratteristica architettura a portici disposti lungo la via centrale. Sulla piazza è l’elegante pieve di Santa Maria Assunta che custodisce opere di straordinaria bellezza. Adagiata sulla collina è l’imponente torre del castello di Porciano. Terra questa di antiche tradizioni che ancora oggi rimangono nell'artigianato: il "panno casentinese", tessuto di lana dai colori brillanti come l'arancione e il verde bottiglia, il ferro battuto e la pietra lavorata 

QUALE ESPERIENZA ASPETTARSI CON NOI?


tour guidatoFIRENZE E DINTORNI PER SEGUIRE DAGLI OSPEDALI ALLE ABBAZIE ..I VERMUT E I GIN ED ALKERMES
  
Un viaggio fra gli inebrianti alcool che aromatizzati da spezie officinali e altro che ci porterà dalla medievale nascita nelle farmacie delle Abbazie del Gin fino alle spezierie degli ospedali per approdare agli opifici rinascimentali dei profumi fino ai liquorifici di oggi per le nostre tappe foodies
Partiremo subito alla scoperta della mistica Abbazia di Vallombrosa dove gli Abati del primo Medioevo insieme agli speziali erano dediti alla ricerca di sollevare le sofferenze corporali, curando i corpi dei pelligrini in cerca di una nuova spiritualità ..e una visita alla monumentale cucina ci aprirà alla prima tappa foodies con la degustazione di amari ..e del famosissimo Gin.. a cui doveroso è un accompagnamento food!! Poi continueremo per raggiungere Firenze e dopo una visita della spezieria del primo ospedale del mondo, Santa Maria Nuova voluto da Folco Portinari ed ancora attivo, passeremo alla più antica Farmacia quella di Santa Maria Novella che su ricette delle sorelle di via dei servi riproduce l'Alkermes che come il Rosolio fecero impazzire i Medici e non per il leggendario potere curativo ma per quello ludico , una visita ai liquori ed alle essenze di profumo ci preparerà alla nostra seconda tappa Foodies per assaggiare la tipica Zuppa inglese preparandoci a quel periodo liberty che vide nascere proprio nell'industriale Prato il primo Vermut che sarà la nostra perfetta chiusura con il raggiungimento dell'opificio e la degustazione... L'unico peccato?? non poter continuare ...saremmo andati a scoprire l'origine del Negroni con un aperitivo..ma non questa volta!! [....]
 
TIMETABLE ESPERIENZAliquorificio
 


 
tour guidatoFIRENZE E CHIANTI RUFINA DOVE CONGIURA E PAZZI SI TINGONO DIVINO
 
san gimignano CASTELLI CHIANTI san gimignano
Essere a Firenze e non essere affascinati dai Medici ,ma trovarsi nel Castello dove i Pazzi progettarono la morte di Lorenzo il magnifico sarà un tuffo al cuore che solo la degustazione dei vini ci riporterà alla realtà, prima di visitare Firenze e ripercorrere la stessa storia fra Pazzi e Medici dal Duomo a Santa Croce
Partiremo subito alla scoperta dell'incantevole Chianti Rufina, giusto ai bordi di quel Mugello da cui i Medici arrivarono, non Nobili ma solo Mercanti, e dove i nobili Pazzi già avevano qui il loro Castello che , oggi come allora produceva Vino . Ed allora partiremo dalla visita dal cortile alle cantine sotterranee del 12°secolo fino alle sale private, dove nemmeno oggi l'odore dei legni arsi dal '200 sono scomparsi.. ma differentemente dai Pazzi, che qui complottarono il delitto, noi non ci sederemmo alla stesso tavolo, ma assaggeremo gli stessi vini!! O più precisamente i vini prodotti dalle vigne figlie della stessa terra ma che poco hanno a che fare con quelli "avvelenati" del rinascimento!! Lo scopriremo con la degustazione di vini accompaganta da olio extra vergine di oliva e salumi. Poi proseguimento per Firenze per scoprire chi erano i Pazzi con Emily, la nostra guida, che ci riporterà al passato, alla fine del Medioevo all'inizio del Rinascimento. Attraversando gli stessi percorsi di questo complotto fallito, ci condurrà dalla cattedrale del Duomo, la scena del crimine, a Palazzo Pazzi, dove lo stemma Pazzi non fu mai rimosso, fino al palazzo del Bargello, il palazzo della giustizia, dove furono impiccati tutti i cospiratori ..fino alla chiesa di Santa Croce .. che ospita appunto la Cappella Pazzi!! [....]
 
PONTE VECCHIO FIRENZE
 


UNDER THE TUSCAN SUN I VIAGGI DEL GUSTO

Quale tipo di esperienza vorresti vivere? 

 CHIEDI COSTI AL NOSTRO EMOTIONS' SAILOR  

**I costi dipendono dall'esperienza scelta 

     

  

torreguelfa@torreguelfa.it

Grazie da I VIAGGI DEL GUSTO

INIZIA LA TUA ESPERIENZA 
 

 

 Accoglienza clienti tel 0039 0554936459-  email torreguelfa@torreguelfa.it 
I VIAGGI DEL GUSTO- Via Dell'Oriuolo, 17 - Firenze- Italy
Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI